Monetizzare i propri contenuti musicali su Facebook? Non sarà più solo un’ipotesi

FacebookDa anni molti si chiedono quale aspetto della spumeggiante idea di rendere Facebook una piattaforma musicale a tutti gli effetti ancora non convinca Mark Zuckerberg: perché non creare un vero e proprio servizio streaming che possa soddisfare, da un lato, il pubblico in termini di scelta e, dall’altro, gli artisti e le label, attraverso la monetizzazione dei propri contenuti (quantomeno video)?

A molti suonerà strano ma, ad oggi, non è consentito guadagnare con le visualizzazioni dei propri video caricati sul social network, al contrario di quanto invece avviene su YouTube dall’alba dei tempi.

Diverse voci sull’inversione di tendenza da parte dei vertici di Facebook si sono rincorse negli ultimi anni, finendo ogni volta per essere silenziosamente smentite. In questi giorni, arriva però dalle nostre parti una ventata di ottimismo che riaccende le nostre speranze, lasciandoci presagire che questa sarà la volta buona, sul serio.

L’indizio porta il nome di Tamara Hrinvak, che con molta probabilità non ci dirà nulla di primo acchito, in quanto nota soprattutto agli addetti ai lavori del mondo digitale. Neo-assunta da Facebook, dopo aver ricoperto fino a pochi giorni la carica di Director of Music Partnerships di YouTube – Google Play, ha espresso tutta la propria gioia per l’inizio della nuova avventura lavorativa in un post sul suo profilo (che potete leggere di seguito).

Tamara Hrivnak

Facebook lavora per rendere il mondo aperto e connesso, e la musica può ricoprire un ruolo chiave in quest’ottica. Il post parla chiaro, e il curriculum della Hrinvak ci suggerisce di guardare in un’unica direzione.

Si tratta quindi di capire solamente il quando ed il come vedremo realizzarsi il tanto agognato traguardo, perché sul se stavolta non vi è alcun dubbio.